Intervista a Lorena Laurenti

Nel mio blog voglio dare spazio soprattutto alle autopubblicazioni di successo. Per due motivi: sono sempre più convinta che il mercato in futuro andrà in questa direzione e perché il rapporto scrittore-lettore è in questo modo più diretto.

Oramai una grossa fetta di consumatori compra su internet, libri compresi. Il costo degli ebook è notevolmente inferiore e in tempo di crisi, non si rimpiange più di tanto la carta stampata.

Nel mio piccolo, voglio seguire gli autori che hanno dimostrato la loro bravura solamente grazie al loro talento, riconosciuto dal consumatore più attento e informato (quello del web). Senza una casa editrice alle spalle, senza un ufficio stampa, questi autori sono riusciti ad arrivare al cuore di molti lettori, grazie alle loro storie.

Oggi è il turno di Lorena Laurenti, autrice di una saga che sta spopolando su amazon: TRI (Capitolo Primo: La Profezia; Capitolo Secondo: Il Legame; Capitolo Terzo: La Scelta).

copertina-fronte2
D: Prima di tutto, quali generi ti piacciono? I tuoi autori preferiti?

L.L: Ciao e grazie per questa intervista. Leggo vari generi, trovo sia importante per uno scrittore non fossilizzarsi su un’unica tipologia di libri, ma, se proprio devo scegliere, prediligo il genere fantastico condito con tanto sentimento. I libri che amo hanno sempre elementi fantasy, un pizzico di magia e molta introspezione, se poi sono scritti bene, come quelli di Anne Rice, ad esempio, allora non chiedo di più! Recentemente mi è piaciuta molto la saga di Hunger Games di Suzanne Collins e la saga delle gemme (Red, Blue, Green) di Kerstin Gier.

D: Quando hai iniziato a scrivere? Tri sono i tuoi primi romanzi?

L.L.: Ho iniziato a scrivere nel 2010, avevo una storia da raccontare e ho scelto la scrittura come mezzo. TRI è un’idea che portavo avanti da tanti anni, fin dal periodo della scuola superiore (troppo tempo fa!), a un certo punto è diventato impellente farla uscire e mi sono cimentata nel primo libro. Non avevo immaginato di creare una saga, dapprima doveva essere un libro autoconclusivo, ma il materiale era tanto e ho dovuto sviluppare la storia in una trilogia.

laurenti_tri2_cop_ycp
D: Ci puoi parlare di questa serie? A cosa ti sei ispirata?

L.L.: Io ero, e sono tuttora, un’accanita lettrice di manga, oltre a un’appassionata disegnatrice. TRI inizialmente doveva essere un fumetto, svariate volte avevo provato a disegnare le prime tavole, ma il tutto sfumava dopo poco lavoro. Forse, in quel periodo, si parla di ‘97/’98, non avevo abbastanza costanza per portare a termine il progetto. La storia è cresciuta con me prendendo ispirazione da tante cose, esperienze di vita vissuta, libri, serie tv, anime etc. In ogni personaggio c’è un po’ di me, probabilmente per questo mi sono tanto cari. Saira, la protagonista della storia, si risveglia in mezzo a un deserto, senza cellulare, senza nulla che la ricolleghi alla sua realtà. Scopre di essere su un mondo sconosciuto molto diverso dalla Terra, un mondo che apparentemente sembra antiquato e privo di ogni tecnologia, ma che si rivelerà del tutto differente procedendo con la lettura. Lei non è un’eroina, l’esatto opposto. È un personaggio negativo, disilluso, che non dà molto significato alla propria vita. TRI, oltre alla storia di base, è un romanzo di crescita, l’evoluzione, sia di Saira sia degli altri personaggi, è evidente. Poi c’è l’amore, la passione, le prime cotte e l’amicizia, fondamentale per lo sviluppo dei personaggi. Tutto ruota attorno alla scoperta di se stessi, alla maturazione e alle scelte indispensabili, e a volte dolorose, per portare a termine il proprio scopo. “Credici davvero, credi che le cose possano cambiare.”

D: Come sei arrivata alla decisione di autopubblicarti? In precedenza avevi inviato il manoscritto a case editrici e/o agenzie?

L.L.: Ho iniziato a scrivere per me stessa, senza pensare nemmeno lontanamente alla pubblicazione… certo, mi sarebbe piaciuto se una grande casa editrice avesse bussato alla mia porta, ma non era indispensabile. L’idea di spendere mesi e mesi, di inviare decine di manoscritti a tutte le case editrici, non mi piaceva. Ho mandato la prima bozza a quattro grosse case che mi hanno ignorato. In realtà le capisco, la prima bozza era terrificante! 😀 Poi, su consiglio di un amico, dopo un’accurata revisione, ho creato l’ebook di TRI- Capitolo primo: La Profezia e nel febbraio del 2012 l’ho auto-pubblicato su Amazon. Non conoscevo questo sistema e, per quanto avessi sentito parlare degli ebook, non ne avevo mai letto uno. Il primo mese ho venduto poche copie, il secondo qualcuna in più, al terzo ero ai primi posti delle classifiche con un successo insperato. Dallo scorso anno tutti e tre i libri stazionano entro i primi cento posti dei bestseller fantasy, successo cui non sarei mai giunta scegliendo una piccola casa editrice.

51mcppUZmLL._AA258_PIkin4,BottomRight,-36,22_AA280_SH20_OU29_
D: A quali piattaforme ti sei appoggiata? É stato difficile trasformare il formato e seguire le indicazioni richieste?

L.L.: Ho scelto di appoggiarmi esclusivamente ad Amazon e di sottoscrivere il servizio KDP, mentre il formato cartaceo è in vendita su tutte le piattaforme, da Feltrinelli a Ibs e, su prenotazione, anche in libreria. Il primo ebook è stato un trauma perché avevo pensato il libro “visivamente”, con font particolari e ghirigori sul numero dei capitoli (il mio spirito grafico!). Ho dovuto convertire tutti i font come immagini e togliere gli abbellimenti… ma non mi lamento, l’importante è il contenuto. Con l’ultima revisione ho chiesto di preparare il file a un amico, io non vado molto d’accordo con i menu multimediali e le linee guida!

D: Sei sempre in classifica tra i libri fantasy più venduti su amazon. In che modo hai pubblicizzato i tuoi libri?

L.L.: La pubblicità più grande è stata il passaparola e le recensioni positive su Amazon. Devo tutto alle persone che si sono appassionate alla mia storia e l’hanno consigliata agli amici. Mi sforzo di essere giornalmente presente sui social network, Facebook, Twitter e sul mio blog (www.lorenalaurenti.it). Credo sia importante per un autore esordiente far sentire la propria presenza ai lettori, e magari condividere con loro opinioni e idee.

D: Un esordiente senza ce alle spalle deve puntare su copertine a effetto! Dove hai trovato gli illustratori e le immagini?

L.L: Le ho fatte io, come dicevo prima, sono appassionata di disegno e grafica. La prima copertina è un mix di elementi, la ragazza della foto non esiste davvero, è un collage di più persone, il font di TRI l’ho creato io e mi sono cimentata anche nei booktrailer… è stata un’esperienza molto divertente. Per la seconda e la terza copertina ho acquistato delle foto di base che sono andata a modificare per rendere le ragazze più simili alla mia idea di Saira.

D: dopo il successo online sei stata contattata da case editrici come è capitato a Stefano Lanciotti e Anna Premoli?

L.L.: Tante case editrici mi hanno iniziato a seguire su Twitter, ma nessuno mi ha mai contattato per una proposta seria. Alcune presunte agenzie letterarie e agenti vari hanno tentato di avvicinarmi con promesse fittizie… per fortuna non gli ho mai dato ascolto!

D: Hai un agente oppure ti rappresenti grazie ai tuoi libri e al successo su internet?

L.L.:Non ho un agente, sono la rappresentante di me stessa 😉

D: Cosa consiglieresti a un giovane esordiente? Quali passi dovrebbe fare?

L.L.: Il primo passo fondamentale è avere un buon libro, il secondo pazienza e costanza. Il “pacchetto grafico” fa il suo effetto, ma è molto importante che dietro a una bella copertina ci sia anche una storia accattivante. Assieme a due amiche abbiamo deciso di fondare un’associazione culturale no profit dedicata agli autori self: SELECTED SelfPublishing, stiamo ultimando in questi giorni il sito internet. Ci auguriamo che questo progetto possa aiutare tanti esordienti e, nel contempo, offrire ai lettori la possibilità di scegliere ottimi libri self!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Autopubblicarsi e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...