Case Editrici: Linee Infinite Edizioni

Negli ultimi tempi mi sono imbattuta in due libri molto validi: “Il fiume si rise” di Sergio Costanzo e “In nomine Patris” di Davide Truzzi. Cosa hanno in comune? Sono entrambi pubblicati dalla casa editrice Linee Infinite Edizioni.

Il loro responsabile editoriale, Simone Draghetti, mi ha rilasciato cortesemente un’intervista, per spiegarci la loro politica editoriale.

– Come nasce la casa editrice Linee Infinite?

Linee Infinite è nata nel 2007 dalla passione e dall’amore per la scrittura e per la lettura da parte di cinque amici. Cinque soci che sono nati e cresciuti a Lodi, piccola città Lombarda che si trova a trentacinque km a sud di Milano. Una città bellissima dove però la voglia di fare cultura non esiste. Una cittadina che ha dato i natali ad una grande poetessa: Ada Negri. Purtroppo gli attuali abitanti della città, preferiscono abitare in questo “desertico panorama culturale” piuttosto che fare qualcosa per migliorarlo. Così ci siamo guardati in faccia e ci siamo detti “perché no”. Così è nata Linee Infinite, coi suoi sogni, le sue speranze e, soprattutto, la voglia di fare cultura.

– Chiedere un contributo ai vostri autori per pubblicare o siete totalmente free?

Non chiediamo nessun tipo di contributo ai nostri autori. La casa editrice si accolla “Il rischio d’impresa” e sostiene tutte le spese che riguardano la creazione, la divulgazione e la promozione del libro.

– Quali sono i vostri punti di forza per emergere in un mercato dove le grosse case

editrici riescono a monopolizzare la distribuzione?

La distribuzione è il tasto dolente di tutta la media e piccola editoria italiana. Considera che soltanto le grosse case editrici riescono a permettersi una divulgazione capillare su tutto il territorio nazionale, grazie a distributori che chiudono le porte ai piccoli editori, oppure grazie alla loro distribuzione interna. Feltrinelli e Mondadori hanno loro librerie e questo rende più facile la divulgazione dei testi. Se poi ci metti anche le librerie che rifiutano spesso e volentieri i libri di autori emergenti a favore dei soliti nomi…allora la situazione diventa disastrosa. Io, agli autori dico sempre una cosa: “Possiamo arrivare su tutto il territorio nazionale, a patto che le librerie che contattiamo, accettino il tuo libro”.

Per sopperire a questa difficoltà, la casa editrice punta a far conoscere i propri autori attraverso le presentazioni dei loro volumi in tutta Italia. Io stesso seguo molto gli autori in questi eventi perché ritengo che avere un esponente della casa editrice a fianco dello scrittore , attesta un atto di maggiore professionalità da parte di entrambi.

-Libri cartacei o ebook, su cosa puntate principalmente?

Sicuramente sul cartaceo perché riteniamo che quello sia il vero libro. Non siamo contrari al digitale, anzi, noi stessi pubblichiamo e-book ma solamente dopo un anno dall’uscita del cartaceo.

– Per il cartaceo avete qualche distributore o librerie di fiducia?

Hai toccato un tema delicato. Avevamo un distributore a livello nazionale che purtroppo però è fallito, lasciandoci con l’amaro in bocca e soldi persi. Successivamente ci siamo affidati ad un altro distributore. Belle parole, promesse di ogni tipo ed effettivamente sembrava che la cosa stesse funzionando bene. Poi, improvvisamente anche questa società è fallita e anche qui soldi persi. Ora ci appoggiamo ad un piccolo distributore di fiducia, GDS distribuzione, che sta facendo un discreto lavoro e a un distributore interno alla casa editrice: Associazione culturale La Torre eventi e distribuzione. Con il secondo siamo riusciti ad entrare in diverse librerie, ultime della serie una Ubik di Lucca ed una Feltrinelli a Verona. Inoltre i nostri volumi si possono trovare in diverse librerie indipendenti.

– Quali sono i generi su cui puntate?

Non puntiamo su un genere in particolare, ma su libri di qualità. Abbiamo una collana che spazia dalla narrativa classica, ai romanzi d’amore, al thriller, al fantasy fino ad arrivare alla poesia.

– Cosa cercate nei romanzi da pubblicare? Come si diventa un autore di Linee

Infinite?

Cerchiamo emozione, passione, voglia di raccontare qualcosa che non sia banale o stereotipato. Andiamo alla ricerca dell’originalità e di un libro scritto bene. Attualmente la valutazione dei testi che arrivano alla casa editrice si è fatta ancora più severa di quello che era già. Ho dato disposizioni agli editor di promuovere solo testi che veramente lo meritano, a volte a discapito della “commercialità” dell’opera. Con quel termine intendo lavori che ormai spopolano nell’editoria italiana (vedi ad esempio, vampiri e simili), non certo il fatto di proporre lavori di nicchia che non raggiungerebbero un vasto pubblico.

Per diventare autori di Linee Infinite innanzi tutto bisogna scrivere un ottimo libro e poi, semplicemente, sottoporcelo. Lo valuteremo con attenzione e se lo riterremo idoneo alla pubblicazione, successivamente l’autore verrà messo sotto contratto e la sua opera vedrà la luce. 

– Avete delle limitazioni di lunghezza per i testi oppure no?

Assolutamente no. Valutiamo qualsiasi romanzo lungo o breve che sia.

– Oltre a testi intriganti e storie appassionanti, ciò che colpisce a prima vista

sono le vostre copertine: belle, colorate e soprattutto rispecchiano sempre il testo

che rappresentano. Avete molti illustratori che lavorano per voi?

Attualmente collaboriamo con tre illustratori in particolare: Corrado Vanelli, Ilaria Trombi, Fabio Porfidia. Però alle nostre copertine hanno contribuito anche Francesca Resta, Sara Forlenza, Giovanni Pozzi. Nei prossimi mesi probabilmente collaboreremo con altri disegnatori che daranno il loro contributo a rendere le copertine dei nostri libri ancora più suggestive.

– Investirete molto nella promozione dei vostri libri?

 Non siamo una grossa casa editrice, quindi l’autore che pubblica con noi sa fin dal principio che la promozione non sarà così capillare come potrebbe esserlo per una grossa realtà editoriale. Stiamo lavorando molto bene alla promozione dei nostri volumi con i due uffici stampa che seguono la casa editrice. Ultimamente sono usciti molti articoli che parlano dei nostri autori e dei loro libri, sia sul web, in giornali o riviste online, sia sui cartacei. Cerchiamo di fare il massimo per i nostri autori, anche se a volte è molto difficile, soprattutto quando si parla di quotidiani di tiratura nazionale.

– Quanti manoscritti ricevete di media al giorno e al mese? Quanti di questi superano

gli step e arrivano alla pubblicazione?

Momentaneamente la ricezione dei manoscritti è chiusa perché siamo oberati di lavoro. Mediamente al giorno ci arrivano dai tre ai quattro scritti. In un mese riusciamo a superare anche gli ottanta titoli. Fortunatamente non sempre è così, ci sono mesi, soprattutto quelli estivi, che la media cala al di sotto dei venti.

Non sono molti quelli che superano le valutazioni. Su trenta o quaranta scritti a volte nessuno viene valutato idoneo. Ma anche questo dipende dai vari titoli che arrivano in sede.

– A quanto ammontano attualmente i tempi di attesa per la valutazione?

Attualmente siamo sui cinque mesi, ma questo è dovuto all’enorme affluenza di scritti verso Linee Infinite. In genere, nell’arco di due mesi, rispondiamo a chi ci ha inviato il testo da valutare.

– Risponderete sia in caso positivo che negativo agli autori?

 Assolutamente sì. Questa è una forma di rispetto verso gli autori che ci inviano i loro lavori. La politica aziendale è quella di rispondere via mail od al telefono a tutte le persone che inviano i loro scritti, che chiedono informazioni o richieste di altro genere.

Ringrazio Simone Draghetti per l’intervista. Per chi volesse sfogliare il loro catalogo: portal

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Case Editrici e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Case Editrici: Linee Infinite Edizioni

  1. Priscageddon ha detto:

    Saranno anche al Salone di Torino?

  2. Arwen ha detto:

    bellissima intervista grande simone 😀

  3. sotto mentite spoglie ha detto:

    Posso solo dire una cosa: confermo che è VERISSIMO che si danno molto da fare per sostenere al massimo i loro autori e che producono libri di alta qualità, con una impostazione grafica che spesso surclassa anche quella dei grandi editori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...